Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Obiettivo depurazione : I RENI (parte prima)

"In naturopatia si considera l'organismo animato da una forza vitale intelligente, presente in noi dalla vita embrionale fino alla morte. Questa forza vitale interviene in tutti i processi di riequilibrio nel momento in cui l'uomo subisce alterazioni da parte dell'ambiente." (Rudy Lanza)
Non solo: ogni essere vivente fin dalla nascita ha una propria costituzione che, unita alle influenze ambientali che lo condizionano nel corso della sua vita, lo caratterizzano e lo rendono unico.
Valutare il "terreno" di una persona significa proprio osservare la sua costituzione e la sua predisposizione ad alterazioni funzionali ed organiche.
Un altro concetto fondamentale in naturopatia è l'umorismo, ovvero la teoria degli umori (sangua, linfa, liquidi extra e intra-cellulari).
Si valuta cioè "l'eventuale stato di sovraccarico dei liquidi organici, e quindi lo stato qualitativo e quantitativo che potrà influenzare l'equilibrio o lo squilibrio del soggetto." (Rudy Lanza)


In situazione di disequilibrio, quando il terreno si sovraccarica pericolosamente di tossine (endogene e/o esogene), l'organismo non rimane inerte, ma reagisce per neutralizzare ed eliminare all'esterno i sovraccarichi tossinici.
LA DEPURAZIONE DELL'AMBIENTE INTERNO AVVIENE ATTRAVERSO GLI EMUNTORI.
Gli emuntori sono organi  filtro, preposti all'eliminazione appunto degli scarti metabolici e sono suddivisibili in primari e secondari.
Emuntori primari sono :
- la coppia cistiffellea/fegato-intestino (agiscono sulle sostanze colloidali)
- i reni (agiscono in caso di acidosi)
Gli emuntori secondari sono quelli che intervengono in caso di sovraccarico e affaticamento dei primi :
- polmone, equivalente alla copia cistifellea/fegato-intestino
- ghiandole sebacee, equivalenti ad un secondo fegato
- ghiandole sudoripare, equivalenti al rene
- strato basale, che è al di sotto dell'epidermide ed equivale ad un secondo intestino.

IL RENE

Il sangue carico di sostanze di rifiuto è condotto ai reni dalle due arterie renali e una volta purificato, torna ad uscire attraverso le vene renali, che si gettano nellla vena cava inferiore. I rifiuti filtrati vengono diluiti in acqua ed espulsi sotto forma di urina; questa viene raccolta nei bacinetti renali e condotta attraverso gli ureteri fino alla vescica.

Segni di funzionamento renale corretto o alterato :
- quando i reni funzionano correttamente secernono da 1200 a 1500 cc di urina nella 24 ore, che corrispondono a circa 5 minzioni quotidiane
- il colore dell'urina è normalmente giallo limone. Quando questa è incolore o scarsamente colorata significa  che i reni non eliminano rifiuti a sufficienza oppure che queste persone nel corso della giornata bevono molto. Se i reni invece eliminano più delle normali urine,queste potrebbero essere copiose, molto scure e con un forte odore.

Depurazione dell'emuntorio rene attraverso :
- cura dell'acqua, ovvero bevendo dopo ogni minzione e bevendo sempre un poco più di quanto occorra per calmare la sete
- cataplasmi di argilla o cavolo applicati sulla zona renale, con lo scopo di ripulire il filtro renale
- riflessologia del piede, andando a stimolare la zona riflessa del rene
- stimolo dei punti neurolinfatici (kinesiologia)
- sostanze diuretiche vegetali : verdure o frutti ad azione diuretica e piante medicinali dalle proprietà diuretiche

I frutti e le verdure diuretiche sono ad esempio :
- le ciliegie, il melone, il pompelmo, la pesca, la mela, le prugne. Per contro, attenzione alla pera, che per chi soffre di malattie renali o ha i reni delicati, è controindicata.
- il carciofo, gli asparagi, la melanzana, la zucca, il crescione, i fagioli, la cicoria selvatica, il sedano, la cipolla, il cavolo, il porro.

La cipolla è un diuretico potente, capace di sciogliere addirittura i cristalli, e spesso è consigliata anche in caso di reumatismi e malattie infettive.
Sipuò usare in :
- infuso : tritare due cipolle e lasciarle macerare per qualche ora o per tutta la notte in una scodella d'acqua; filtrare e bere
- decotto : 3 cipolle tagliate ma non mondate, in un litro d'acqua; bollireper 15 minuti; filtrare e bere.
- cataplasma : applicare rondelle di cipolla o cipolle tritate sulla zona dei reni, cioè sulla schiena, all'altezza delle ultime costole; lasciare da mezzora e un'ora.

Il cavolo, consumato in ragione di 400 g al giorno, mette in azione, dopo alcuni giorni, un'abbondante diuresi. Meglio consumarlo crudo perchè con la cottura perde molte delle sue proprietà.

Il porro, da consumearsi come verdura o in decotto, è un ottimo diuretico ed è efficace anche per ripulire l'intestino :
- decotto : da 2 a3 porri con le loro radichette ; bollire per 30 minuti in un litro di acqua

(to be continued)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna